27 Novembre 2022 - Ore
Enogastronomia

Consiglio regionale: approvata la disciplina delle strade del vino e dell’olio extravergine di oliva

Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità la proposta di legge che disciplina le strade del vino e dell’olio extravergine di […]

Facebook

Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità la proposta di legge che disciplina le strade del vino e dell’olio extravergine di oliva, di cui è primo firmatario il capogruppo della Lega Davide Bellomo, neo eletto parlamentare.

Con il testo approvato si intende valorizzare e promuovere il proprio territorio ed i suoi prodotti di qualità attraverso l’istituzione delle “Strade del vino” e delle “Strade dell’olio extravergine di oliva”; favorire le attività di ricezione e di ospitalità, nonché l’organizzazione di attività culturali, didattiche e ricreative connesse alle produzioni enologiche e olearie; promuovere la formazione professionale, le indagini di mercato, nonché le iniziative di informazione tecnico-scientifico e commerciale a favore degli operatori del settore; sviluppare la ricerca nel campo viticolo-enologico, olivicolo-oleario, dei Centri sperimentali anche organizzando incontri specifici a carattere periodico;  valorizzare il patrimonio architettonico ed ambientale pubblico o privato dei territori interessati dai percorsi segnalati dalle “Strade del vino e dell’olio extravergine d’oliva, ai fini dell’accoglienza turistica. Alla base della proposta di legge c’è la definizione di Strada.

Le “Strade del vino” e le “Strade dell’olio extravergine di oliva”, d’ora innanzi denominate “Strade”, sono percorsi viari inseriti nell’ambito dei territori su cui insistono le produzioni vitivinicole e olearie a denominazione di origine e a indicazione geografica, evidenziati con apposita segnaletica, differenziati per tipologia di prodotto, lungo i quali insistono coltivazioni e strutture produttive, in cui operano aziende agricole singole o associate che, mediante la propria disponibilità ad accogliere visitatori, consentano la promozione dei territori e delle relative produzioni, nonché la fruizione dei prodotti in forma di offerta turistica.

È prevista l’assegnazione di contributi, a valere sui fondi regionali per l’agricoltura, da parte della Regione per svolgere attività quali la realizzazione della segnaletica relativa alle strade, l’allestimento dei centri di informazione, la realizzazione ed adeguamento di percorsi e camminamenti sicuri all`interno degli stabilimenti di lavorazione e di trasformazione dei prodotti agricoli e alimentari, la realizzazione di attività di comunicazione per la valorizzazione delle strade singole o associate, gli interventi di animazione per la realizzazione di una sagra annuale della strada. Approvato l’emendamento attraverso cui le attività di ricezione ed ospitalità, compresa la degustazione dei prodotti aziendali e l’organizzazione di attività ricreative, culturali e didattiche svolte da aziende agricole nell’ambito delle “Strade”, possono essere ricondotte alle attività agrituristiche di cui alla legge n. 96 del 2006, secondo i principi in essa contenuti e secondo le disposizioni recate dalla vigente normativa regionale in materia di agriturismo.

Approvato anche l’emendamento proposto dall’assessore Pentassuglia, con cui le disposizioni attuative in materia di oleoturismo rispetto a specificità riguardanti le costituite e costituende Strade dell’olio extravergine di oliva, sono approvate con decreto dell’assessore regionale all’agricoltura.

© Riproduzione riservata

Altro in Enogastronomia

Altri Articoli di

Menu