29 Novembre 2022 - Ore
News

Tre cose che si possono fare su Blockchain e che non si conoscevano

L'utilità di Blockchain continua ad espandersi man mano che si verifica lo sviluppo. Continua a leggere per tre casi d'uso sorprendenti.

Negli ultimi anni le criptovalute hanno avuto una rapida diffusione e nel volgere di poco tempo sono diventate un asset economico che milioni di persone hanno inserito nel proprio portafoglio di investimenti. Si sono moltiplicate le occasioni di utilizzo, tanto è vero che adesso le crypto possono essere utilizzate, per esempio, anche per effettuare acquisti online o, in alcuni casi, pagare imposte o tributi o anche versare gli stipendi agli impiegati di quelle società che hanno voluto sperimentare questo nuovo tipo di transizioni.

Una vera e propria rivoluzione, così come nelle intenzioni di Satoshi Nakamoto, l’alias dietro il quale si cela colui che per primo ha teorizzato e poi realizzato la prima criptovaluta al mondo, il Bitcoin. Non è ancora chiaro se dietro a questo nome ci sia una persona in carne e ossa o un gruppo di attivisti cypherpunk: quel che è certo è che condividono l’obiettivo di creare grazie alle criptovalute e alla tecnologia che le rende possibili, la blockchain, un’economia più democratica e decentralizzata, nella quale le transazioni sono slegate dall’intervento di intermediari come banche centrali, governi e istituzioni finanziarie.

Ethereum e blockchain: dopo il Merge aumenta di nuovo l’interesse

L’altra grande protagonista del mondo delle criptovalute è Ethereum, la più diffusa dopo Bitcoin. Ma non c’è solo il cambio con l’euro (click here) che attira su di sé l’attenzione di milioni di persone. Un fattore cruciale è la specificità della blockchain sulla quale Ethereum è costruita: talmente versatile che con il tempo si moltiplicano le possibili applicazioni di questa tecnologia in campi anche molto diversi tra loro.

Il recente Merge, con il passaggio dal Proof-of-Work al Proof-of-Stack, oltre a cambiare il meccanismo di consenso ha diminuito drasticamente i consumi di mining, con la conseguenza di aver suscitato un rinnovato interesse in questa criptovaluta.

Blockchain e le possibili applicazioni nell’arte e nel mercato immobiliare

Un utilizzo possibile che può essere sfruttato dalla tecnologia di validazione della blockchain è per contrastare la pirateria e la contraffazione. Per esempio, nell’arte, nel cinema o nella musica, con le case di produzione e gli artisti stessi che potrebbero trarre giovamento e vedere tutelata la propria opera. Discorso analogo per i collezionisti di ogni genere: poter contare su un sistema che garantisce l’unicità e la veridicità di una certificazione, assicura la massima trasparenza al settore.

Cosa dire del mercato immobiliare? Se il database degli immobili o dei terreni potesse contare su una certificazione inattaccabile, ne gioverebbe l’intero sistema di vendite: i tempi sarebbero dimezzati, si ridurrebbero i costi per produrre e ottenere documenti, così come la consulenza, spesso molto onerosa, di figure terze che al giorno d’oggi devono essere coinvolte per legge o comodità all’interno di una trattativa.

La tecnologia blockchain come metodo di validazione per elezioni e sistemi elettorali

Perché un’elezione, a qualsiasi livello essa si svolga, possa essere ritenuta valida, c’è bisogno dell’autenticazione delle identità di coloro che sono ammessi al voto. In più, la registrazione dei voti e la loro conservazione devono essere chiare e trasparenti. Solo al verificarsi di queste due condizioni può esserci l’assoluta sicurezza che il voto sia valido.

La blockchain rappresenta una tecnologia che può garantire la veridicità e la correttezza di una votazione in tutte le sue fasi, con un notevole risparmio di tempo e costi. Inoltre, aspetto da non trascurare, potrebbe facilitare l’accesso al voto anche a quella parte di elettorato svantaggiato per questioni di distanza dalla propria residenza o per una forte disabilità. Gli Stati Uniti hanno già sperimentato sistemi di votazione elettronici che potrebbero fare da apripista a un’adozione della blockchain.

© Riproduzione riservata

Altro in News

Altri Articoli di

Menu