24 Luglio 2024 - Ore
Cronaca

Taranto, mamma dona quadro con un teschio alla ministra Bellanova: ‘Mio figlio ucciso dalle polveri dell’ex Ilva’

La donna ha inviato la ministra a guardare "la cappa su Taranto" per vedere "l'aria che ha ucciso mio figlio, venuto a mancare per colpa della diossina"

Un quadro con un teschio nero realizzato con “la polvere di minerale” raccolta dalle “mamme del rione Tamburi di Taranto” è stato consegnato ieri sera alla ministra per l’Agricoltura, Teresa Bellanova, dalla tarantina Carla Lucarelli, mamma di Giorgio Di Ponzio, il 15enne morto lo scorso gennaio per un sarcoma; e da un’altra mamma, Stefania Petaro. L’occasione è stata il dibattito promosso dalla Fiom nel Tarantino. Lucarelli ha invitato la ministra a guardare “la cappa su Taranto” per vedere “l’aria che ha ucciso mio figlio, venuto a mancare per colpa della diossina”. E ha detto di essere “arrabbiata per i 12 decreti” cosiddetti ‘salva-Ilva’. Petaro, invece, ha spiegato al ministro che da un film visto di recente si evincerebbe che “Mittal entra nei governi” e “corrompe”. “Non credo – ha replicato Bellanova – di aver fatto scelte che hanno procurato danno alle persone. Lei può pensare tutto quello che crede di Mittal” ma “non ha il diritto di pensare che Mittal corrompe una persona come me”.

© Riproduzione riservata

Altro in Cronaca

Ultimi correlati per tag

Altri Articoli di

Menu