29 Novembre 2022 - Ore
Cronaca / Economia

Con la Fiera del Levante “le belle storie non finiscono mai”

Alla vigilia della campionaria alcune dichiarazione del Presidente Ambrosi

«Siamo partiti dall’assunto che la Fiera del Levante possa continuare ad accompagnare questo territorio negli scambi commerciali che, da sempre, oltre a produrre ricchezza, favoriscono anche dialoghi di pace e fratellanza». Con queste parole il presidente della Fiera del Levante, Alessandro Ambrosi, presenta l’edizione 2022 che si terrà a Bari dal 15 a 23 ottobre, data inconsueta dettata dalle esigenze elettorali.

Una Fiera protesa al futuro senza paura, che aspira a diventare luogo di incontri e di storie, come racconta la grafica realizzata da Francesco Poroli e il claim scelto: “Le belle storie non finiscono mai”.

Poroli è illustratore e art director di fama internazionale che ha al suo attivo campagne pubblicitarie come quelle di Campari, Facebook, NBA, Nestlé, Barilla, McDonald’s, Il New York Times. Insegna presso NABA, IED, Domus Academy di Milano e i suoi lavori sono stati esposti in collettive nella città meneghina, a Vicenza, Roma, New York e Londra. Sono stati inoltre premiati da Society of Illustrators New York e The Society of Publication Designers.

«La civiltà del dare e dell’avere, infatti, non ammette scontri, ma solo incontri – prosegue Ambrosi -. Dove ci sono traffici non possono esserci guerre e distruzioni. Così la narrazione di questa manifestazione diventa un emblema dell’intraprendenza levantina e dell’accoglienza mediterranea che, fuse tra loro, generano serenità. Ed allora “Le belle storie non finiscono mai”, perché dove c’è commercio c’è pace, e dove c’è pace si può disporre del tempo, e dove c’è tempo c’è sempre qualcuno disposto a raccontare, a regalare consolazione ed immaginazione a chi ascolta. Come un nonno con suo nipote, con sua nipote. La Fiera del Levante, a buon diritto, è dunque una bella storia che, nonostante l’interruzione dello scorso anno a causa della pandemia, torna a farsi ascoltare con i suoi padiglioni rinnovati, con le sue occasioni commerciali, con le sue performance di attrazioni internazionali. Una bella storia che, state tranquilli, non finirà», conclude Ambrosi.

© Riproduzione riservata

Altro in Cronaca

Altri Articoli di

Menu