6 ottobre 2022 - Ore 16:46

Turismo, Zangardi: “Sul Gargano livelli top nella soddisfazione dei turisti"

Le recensioni degli ospiti di villaggi, alberghi e ristoranti

“Come si sta sul Gargano? Facciamolo dire ai turistiâ€. Detto-fatto. E Bruno Zangardi, presidente del Consorzio operatori turistici ‘Gargano ok’ mostra le recensioni pubblicate dagli ospiti di strutture ristorative, alberghi, ristoranti e villaggi turistici che hanno passato una o più settimane di vacanze a Vieste, Peschici, Rodi Garganico, Mattinata, San Menaio, Lido del Sole, Torre Mileto, Monte Sant’Angelo, San Giovanni Rotondo e Vico.

“Quelle che abbiamo mostrato sono una decina, a puro titolo esemplificativo, ma ne abbiamo ricevute e ne stiamo ricevendo molte di piùâ€, ha spiegato Zangardi.

“Si leggono tante cose in giro, spesso non rendono giustizia al lavoro che sul Gargano viene svolto dalla stragrande maggioranza degli operatori turistici. L’area garganica sta accogliendo migliaia e migliaia di turisti. A due mesi e mezzo dall’inizio della stagione turistica, il bilancio inerente al livello di soddisfazione dei clienti è assolutamente positivo, con punte di eccellenzaâ€, ha aggiunto Zangardi. “Vanno fatti i complimenti innanzitutto a lavoratrici e lavoratori, addetti alla ricezione, cuochi, camerieri, personale delle pulizie, animatrici e animatori, bagnini, agli operatori di tutti i servizi offerti dalle strutture. Allo stesso modo, è giusto menzionare gli imprenditori del settore turistico e ricettivo che, pancia a terra, stanno lavorando da molto prima che cominciasse la stagione turistica per prepararla al meglio attraverso programmazione, investimenti, promozione, miglioramento delle strutture. Sono e siamo fieri di voiâ€, ha commentato con orgoglio Bruno Zangardi.  “Quando i clienti segnalano qualcosa che non va è giusto che le loro lamentele trovino spazio e che esse siano elemento di discussione per intervenire e rimediare. Sono convinto, tuttavia, che anche quando dai clienti arrivano attestati di apprezzamento e complimenti per l’eccellente lavoro svolto dagli operatori sia utile darne notizia. Ed è quello che vogliamo fareâ€.

L’ESTATE SUL GARGANO. Il presidente e gli operatori turistici di Gargano Ok ritengono molto positiva la prima parte della stagione turistica. Il “primo tempo†si sta concludendo con ottimi risultati di arrivi e presenze, e non solo. “I livelli di sicurezza e prevenzione sono altissimi, tanto è vero che non si è verificata alcuna emergenza per ciò che attiene agli allarmi e agli allarmismi in chiave Covid. Lo avevamo detto e si sta puntualmente verificando: fare una vacanza sul Gargano fa bene alla salute. I clienti ci stanno esprimendo apprezzamento anche per la qualità degli eventi di musica, animazione, sport e svago offerti dalle struttureâ€.

LA RICERCA. Il Consorzio degli operatori turistici sta lavorando a uno studio i cui risultati saranno resi noti a fine settembre. L’idea è quella di valutare approfonditamente i livelli di soddisfazione dei turisti che arrivano sul Gargano, mettendo in evidenza non solo gli aspetti positivi ma anche le criticità e facendo attenzione, soprattutto, ai ‘consigli’ che riguardano l’evoluzione di necessità, aspettative e desideri attorno al “prodotto vacanzaâ€. “In realtàâ€, ha spiegato Zangardi, “si tratta di un’indagine che, singolarmente, e in modi differenti, ogni singolo operatore cerca di svolgere lungo tutto l’arco dell’anno. Per apportare ulteriori miglioramenti, però, è necessario agire e muoversi in un’ottica di sistema-turistico, che è quanto il Consorzio Gargano Ok sta facendo con risultati sempre migliori da quasi 15 anni.

PERCEZIONE E IMMAGINE. “Occorre un impegno da parte di tutti per evidenziare le mille esperienze d’eccellenza che il Gargano e la provincia di Foggia offrono e stanno offrendo da anni. L’impressione è che, a volte, sia dal nostro stesso territorio che partono le critiche più ingiuste e sommariamente distruttive sulla bontà del lavoro svolto da migliaia di persone nel settore turistico. Siamo una grande terra, meravigliosa e accogliente, è giusto dirlo a noi stessi e a chi ospitiamoâ€.

Menu