2 ottobre 2022 - Ore 13:53

Asilo Nido: i vantaggi del franchising

L’asilo nido rappresenta una tappa fondamentale per la crescita e lo sviluppo dei bambini che attraverso la frequentazione di queste strutture possono apprendere nuovi concetti, migliorare la componente relazionale entrando in contatto con i coetanei ed essere protagonisti di esperienze che formeranno il proprio carattere e identità.

Per questo sono sempre di più le famiglie che decidono di iscrivere i propri figli al nido ma, come emerge puntualmente dalle indagini dell’Istat, l’offerta pubblica non riesce mai a soddisfare la grande domanda, con i genitori che virano verso strutture private, in un settore che anche in questo caso non riesce a coprire l’intera richiesta. 

Un’occasione che rende il comparto terreno fertile per gli investimenti da parte di quegli imprenditori che vogliono fare business, scegliendo la formula del franchising visti i tanti benefici collegati sia a livello strettamente economico che per quel che concerne l’offerta formativa.

Le criticità nell’aprire un asilo nido

Quando si decide di aprire un asilo nido privato è necessario adempiere a una serie di obblighi normativi e burocratici che rendono l’iter un percorso difficoltoso e lungo che spesso può portare l’imprenditore ad abbondonare l’idea, intraprendendo altre strade.

Tra le difficoltà più rilevanti, troviamo il rispetto di alcuni requisiti in tema sanitario, catastale e amministrativo, alle quali si aggiunge anche la corrispondenza di altri elementi ritenuti fondamentali e stabiliti non univocamente dalle istituzioni regionali e comunali, come quelli collegati alle caratteristiche del locale che ospiterà i bambini (metratura, standard di sicurezza e igiene, presenza di luoghi riservati alla mensa, alla cucina, ai bagni, allo spazio all’aperto, etc.), alle certificazioni e alle qualifiche per lo staff, agli orari e al programma pedagogico. 

A questo si aggiunge poi la componente relativa alla pianificazione economica, l’analisi costi/benefici e la necessità di individuare la zona migliore e le attività di marketing da porre in essere per migliorare la visibilità.

Fattori che rendono l’apertura un momento particolarmente delicato, che spesso non si riesce a portare a compimento, specie nei casi in cui l’investitore non abbia una formazione specifica o un’esperienza pregressa nel settore dell’educazione dell’infanzia, perdendo una grande opportunità di guadagno, in un comparto che, come dicevamo, non è caratterizzato da una competitività elevata. 

Perché scegliere il franchising

Come accennato in precedenza, una soluzione efficace per ovviare a tutte queste criticità è rappresentata dalla possibilità del franchising.

Aprire asilo nido in franchising permette all’imprenditore di poter contare su aziende che hanno un lungo e certificato background nel settore dell’infanzia, che lo supporteranno in ogni step dell’apertura, sia nelle fasi di analisi precedenti sia per quel che riguarda l’operatività di tutti i giorni.

In primis, affidandosi a società di franchising per gli asili nido, si potrà contare su profili professionali in grado di portare avanti un’attenta analisi preliminare concernente il business plan, i rischi collegati all’attività, lo studio di fattibilità e la possibilità di generare ricavi.

Una volta constatata la bontà dell’iniziativa, si passerà alla consulenza per l’individuazione della zona d’apertura, dei competitor locali e del pubblico target, così da ricercare il locale migliore rispetto alle singole esigenze di business.

In questo senso le aziende di franchising di questo settore si occuperanno anche di controllare la rispondenza verso gli obblighi normativi, così che l’asilo nido possa essere aperto senza brutte sorprese dell’ultima ora.

Una volta dato il via all’attività, l’assistenza continua attraverso la formazione specifica per lo staff incaricato a gestire i bambini, con corsi di aggiornamento, e l’introduzione di programmi mirati per l’educazione infantile, così come quelli riguardanti la gestione amministrativa nei casi in cui l’imprenditore si affacci per la prima volta in questo settore.

Dal punto di vita economico, aprire un asilo nido in franchising comporta risvolti positivi a livello di marketing e autorevolezza, sfruttando un marchio riconosciuto come affidabile e per questo maggiormente in grado di attirare le famiglie, potendo contare anche su una comunicazione e un network già consolidati, evitando quindi tutte quelle attività che servono ad aumentare la visibilità, la pubblicità e soprattutto la fiducia, elemento fondamentale in un contesto in cui i genitori si trovano a dover scegliere la struttura più idonea per accogliere e gestire in toto gran parte della giornata dei propri figli.

Altri articoli

Menu