2 ottobre 2022 - Ore 14:19

Ethereum post Merge le analisi degli esperti

Cryptosmart la più nota start up italiana nel settore delle criptovalute sta analizzando Ethereum post Merge e ritiene che diventerà molto più forte e che potrebbe addirittura superare il mitico Bitcoin e di conseguenza conquistare in questo modo il primo posto in classifica.

 

Cryptosmart la piattaforma nata a Perugia nel 2021, per mano di imprenditori esperti e di talento, che nel passato hanno raggiunto dei successi non indifferenti dalle attività svolte, stanno guadagnando la fiducia degli utenti attraverso un lavoro rigogliosamente serio, sicuro ed in totale trasparenza. 

 

Cryptosmart è la prima start up in Italia, regolata dalle leggi italiane, indirizzo della sede legale in Umbria, a Perugia, iscritta all’OAM, dove è possibile acquistare, vendere, scambiare e depositare le monete digitali tra le quali ovviamente anche Ethereum.

  

Come sarà Ethereum dopo il Merge secondo Cryptosmart?

 

Ethereum è all’attenzione di tutti gli operatori del settore delle crypto in questo momento storico del Merge e del cambiamento profondo che subirà la rete dopo il passaggio tanto atteso dal proof of work al proof of stake. 

 

Il valore della moneta virtuale in generale ha subito alti e bassi come ci insegna la storia delle criptovalute, partendo dall’affascinante e misterioso percorso del Bitcoin e facendo anche un riassunto della seconda moneta virtuale in classifica al mondo Ethereum.

 

Vitalik Buterin, il genio informatico che aveva fatto i suoi primi passi nel settore, scrivendo articoli sul Bitcoin, percependo la paga in valuta digitale BTC, ha fondato Ethereum, una piattaforma nata, come lui stesso lo ha sempre dichiarato, per il cambiamento e continue modifiche future.

 

Facendo queste premesse, Cryptosmart, visto anche la crescita esponenziale del valore di Ethereum, subito dopo e anche in concomitanza con le notizie del Merge, considerando il vantaggio enorme che ci sarà da un punto di vista dei consumi e della sostenibilità, ritiene che questo upgrade ridurrà l’offerta di nuove monete e farà diventare l’invenzione di Buterin un punto di forza a livello internazionale nel mondo della Blockchain.

 

Il cambiamento ci accompagna a volte anche verso l’ignoto, ma in questo caso si tratta di evoluzione già annunciata da Vitalik stesso e con la collaborazione affiatata dei suoi sviluppatori e dopo vari testnet superati con successo la strada di Ethereum è già spianata in un certo senso.

 

Gli imprevisti ci sono sempre, ma nel caso di Ethereum l’andamento è molto positivo e la sua multifunzionalità di utilizzo lo potrebbe portare ad un risultato degno, rispetto alla serietà del progetto.

 

Ci sono molte scuole di pensiero al riguardo: i sostenitori Bitcoin che nonostante i molti progressi che sono stati fatti alla rete decentralizzata Ethereum, continuano a considerare Ethereum una security e i sostenitori di Ethereum, ovvero esperti e ricercatori nel campo delle crypto tra qui Vivek Raman che dichiara Ethereum potenzialmente in grado di spodestare dal trono il re delle crypto BTC.

 

Secondo Raman questo passaggio di consegna potrebbe avvenire con The Merge: “In seguito a The Merge, Ethereum subirà un’inflazione inferiore rispetto a Bitcoin. Soprattutto con il burning delle commissioni Ehereum sarà deflazionistico, mentre Bitcoin continuerà ad essere deflazionistico. Questo anche se, a ogni halving, il tasso di inflazione scendeâ€.

 

The Merge migliorerà anche l’infrastruttura decentralizzata sulla quale si appoggia Ethereum da un punto di vista della sostenibilità, cosa fondamentale se pensiamo che questo è uno dei punti di debolezza di Bitcoin e Raman sostiene che potrebbe diventare determinante anche sul fronte dell’adozione, aspetto essenziale per tutte le tecnologie legate al concetto di finanza decentralizzata.

Menu