29 Novembre 2022 - Ore
Psicologia

Ispirala a cambiare il mondo!

Tutto in uno spot

In un nuovo spot di una nota compagnia di telecomunicazioni americana seguiamo la protagonista Samy nel suo percorso di crescita, dall’infanzia all’adolescenza.
Sentiamo, fuori campo, le voci dei genitori che incoraggiano la loro piccola con frasi come: “chi è la mia bambina bella?!”. Le stesse voci però la scoraggiano ad esplorare il mondo dandole consigli del tipo “dolcezza, non sporcarti il vestito!” oppure le dicono di non giocare con le stelle di mare o ancor più quando la vedono appendere sfere multicolori al soffitto per rendere la sua stanza piu’ creativa le intimano dicono di smetterla perchè, secondo loro, sta perseguendo un progetto troppo ambizioso.
E’ non è tutto: non le lasciano sperimentare i lavori tecnici, consigliandole di non maneggiare il trapano e di farlo fare a suo fratello, infondendole così la convinzione che i lavori tecnici siano di pertinenza solo dei ragazzi e non da donne. Chiude lo spot l’espressione scoraggiata di Samy perchè, davanti alla locandina della Fiera della Scienza della sua scuola, sa di non potercela fare. La ragazza reagisce mettendosi il lucidalabbra e, un testo in sovrimpressione, sottolinea che, nonostante al 66% delle ragazze delle scuole superiori piaccia la matematica e le scienze, solo il 18% di loro decide di frequentare la facoltà di ingegneria. Lo spot, che su YouTube ha raggiunto oltre 2,5 milioni di visualizzazioni e fa parte di una campagna denominata “INSPIRE HER MIND” che continua anche sui social tramite #inspirehermind. E’ stato realizzato per sensibilizzare circa l’importanza di coinvolgere le ragazze allo studio di materie quali le scienze, l’ingegneria, l’informatica e la matematica, dal momento che le donne, in USA, ricoprono solo il 25% dei ruoli in questi settori e nel prossimo decennio l’80% dei lavori richiederanno piena padronanza di queste materie. La campagna invita quindi a far riflettere i genitori su quanto le loro parole siano importanti e che dire alle propria figlia “sei la mia bambina bella!” non basta se non le si permette di esplorare il mondo con spirito libero e di credere fino in fondo che i suoi progetti si possono realizzare. E’ arrivato il tempo di dire a Samy, come ad altre milioni di ragazze, di alimentare la passione per le scienze e la tecnologia affinchè siano ispirate a cambiare il mondo.

© Riproduzione riservata

Altro in Psicologia

Ultimi correlati per tag

Altri Articoli di

Menu