24 Aprile 2024 - Ore
Cronaca

Palagiustizia Bari, avvocati e magistrati in corteo con le toghe sul braccio: ‘Risolvere la situazione’ (VIDEO/GALLERY)

Gli addetti ai lavori protestano contro la situazione dell'edilizia giudiziaria. Legnini (Csm): 'Le tende non possono essere una soluzione'

Una marcia silenziosa con le toghe sul braccio. È la protesta organizzata questa mattina da magistrati, avvocati e personale amministrativo contro la chiusura del Palagiustizia di Bari. La struttura è stata dichiarata inagibile: le udienze di rinvio si sono celebrate all’interno di tre tensostrutture montate nel parcheggio esterno del palazzo di giustizia. Una situazione invivibile per gli addetti ai lavori, costretti a esercitare il proprio ruolo in spazi angusti ed esposti ai raggi del sole anche nei periodi più caldi della giornata. A Bari è arrivato Giovanni Legnini, vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, che nel pomeriggio incontrerà i vertici degli uffici giudiziari e i rappresentanti del Ministero. “Siamo qui per cercare una soluzione – ha spiegato Legnini -, sicuramente i disagi non possono essere cancellati con l’installazione di tre tende”.

“Questa situazione danneggia non solo gli avvocati, ma anche i cittadini – ha aggiunto Gaetano Sassanelli, presidente della Camera Penale di Bari -, le istituzioni hanno espresso dei concetti che non ci trovano d’accordo”. “In città ci sono tanti immobili che possono essere adeguati all’uso – conclude Giovanni Stefanì, presidente dell’Ordine degli avvocati di Bari – ci auguriamo che si vada incontro a una soluzione di questo tipo. Nel frattempo siamo disposti a sacrificarci”.

 

© Riproduzione riservata

Altro in Cronaca

Ultimi correlati per tag

Altri Articoli di

Menu