3 Dicembre 2022 - Ore
Politica

Bari, La Giusta Causa incontra l’economista Fabrizio Barca: ‘Disuguaglianze si affrontano con politiche radicali nuove’

Laforgia: 'Calabria metafora dell’emarginazione del Sud. Necessario ripartire dalla lotta alle disuguaglianze'

L’associazione politica/movimento culturale La Giusta Causa ha incontrato l’economista Fabrizio Barca, ex ministro alla Coesione territoriale e attuale coordinatore del Forum Diseguaglianze e Diversità. L’appuntamento, nel Teatro Abeliano di Bari, è stato l’occasione per fare il punto sulle “15 proposte per la giustizia sociale” del Forum, a partire dall’ultimo lavoro pubblicato da Barca, “Cambiare rotta” (ebook Laterza), di cui l’autore ha discusso con il presidente de La Giusta Causa, Michele Laforgia, e con Anna Maria Candela, componente dell’esecutivo LGC. Inevitabile il riferimento al risultato delle ultime elezioni regionali in Emilia Romagna e Calabria.

“Il segno del popolo dell’Emilia Romagna – ha detto Fabrizio Barca – è stato molto chiaro e molto secco. Si sono ritrovati tutti dietro la necessità di fermare quella che sarebbe stata una pessima amministrazione, che è stata la questione principale, pessima per le città e anche per le aree montane interne, ma anche dietro la richiesta di andare avanti”.
“La Calabria – ha continuato – è fatta così, io l’adoro, ci ho lavorato tanto, sono 20-25 anni che si alternano governi di centrosinistra e centrodestra riuscendo purtroppo ad ottenere risultati limitati. Colpa di un insuccesso continuo delle politiche nazionali ma anche responsabilità della classe dirigente locale che non ci crede che il rinnovamento possa avvenire. Non osa, non è radicale”.
“Non vale solo per la Calabria, – ha aggiunto Barca – ma anche per il Lazio con Roma, per il Piemonte, paralizzato dopo la vittoria della Lega, e per tutto il Paese: non si vivacchia in questa fase della storia. O si precipita nell’autoritarismo, oppure si affrontano le disuguaglianze con politiche radicali nuove, che significa anche mandare a casa un pezzo delle classi dirigenti che hanno fallito”.
 “Veniamo da quarant’anni pesanti che hanno prodotto disuguaglianze. Noi del Forum – ha concluso Barca – pensiamo che siano state realizzate politiche sbagliate. E questa è una buona notizia, perché se la colpa non è di eventi lontani dalla nostra capacità di arrivo ma dipende dalle politiche, vuol dire che possiamo rimediare”.

Parlando di lotta alle disuguaglianze, il presidente Michele Laforgia, dopo aver ricordato “l’ottimo risultato” del centrosinistra in Emilia Romagna, ha evidenziato quello della Calabria, “in cui viceversa la destra ha trionfato”. “Una elezione persa in partenza e scomparsa dai radar, – ha detto Laforgia – che è anche una terribile metafora della perdurante emarginazione del Mezzogiorno. Il sud non conta. Un errore terribile, che è paradigmatico degli errori che hanno progressivamente portato alla situazione attuale: l’aumento delle diseguaglianze economiche, culturali, professionali, nell’accesso alle cure e ai servizi pubblici. Come ha spiegato bene Fabrizio Barca, la sinistra ha mostrato ‘cecità ai luoghi’, finendo col dimenticare, letteralmente, buona parte della sua base politica ed elettorale. Da qui dobbiamo ripartire. Anche qui, con alcuni presupposti. La disuguaglianza è una scelta che può e deve essere cambiata abbandonando definitivamente l’idea, molto diffusa anche a sinistra, per la quale la ricchezza e lo sviluppo possono essere perseguiti aumentando la ricchezza dei soggetti, delle aree e delle regioni già ricche. Vale per il governo nazionale. Vale per il governo delle nostre città e delle nostre periferie, che quando non sono considerate, alla fine, si vendicano. La lotta alle disuguaglianze è una necessità, non solo una possibilità e non è solo una questione economica, non richiede solo politiche redistributive, una leva fiscale progressiva, il ripristino delle tutele per chi lavora, richiede anche, e forse ancora prima, una battaglia senza quartiere alle diseguaglianze culturali, informative, formative”.

© Riproduzione riservata

Altro in Politica

Altri Articoli di

Menu