6 Febbraio 2023 - Ore
Cultura e Spettacolo

Al via la seconda settimana di Trame Contemporanee

La prima edizione del festival di drammaturgia contemporanea della compagnia Malalingua prosegue con un focus sul duo artistico Bruni/Antonino

Giunge alla seconda settimana – dal 28 al 30 ottobre alla Cittadella degli Artisti di Molfetta – “Trame Contemporanee”, prima edizione del festival dedicato alla drammaturgia contemporanea a cura della Compagnia Malalingua realizzato con il sostegno di MiC – Direzione Generale SpettacoloRegione PugliaComune di MolfettaFincons Group, il patrocinio del Comune di Bari e le partnership di Teatri di BariCittadella degli ArtistiBabiloniaArti Sinespazio 3.0 e Anomalia. Il festival ideato e diretto da Marianna de Pinto e Marco Grossi, per questa prima edizione intitolato “Volti”, dopo una prima settimana al Teatro Kismet di Bari dedicata all’attualità che ha avuto come cardine la messinscena dello spettacolo “Il Colloquio – The Assessment” diretto da Marco Grossi, si sposta alla Cittadella degli Artisti di Molfetta con un approfondimento tutto al femminile.

Saranno le donne del mondo dell’arte e della cultura, infatti, le protagoniste di questo secondo weekend intitolato “I volti degli artisti e i volti delle donne” con al suo interno un focus incentrato sul duo artistico Bruni/Antonino che prevede tre spettacoli serali – “Schiaparelli Life”, l’anteprima regionale di “Insight Lucrezia” e “Lenor” – e appuntamenti dedicati alle figure femminili di Rosa CassettariWangari Maathai e Artemisia Gentileschi. Una programmazione che dedica spazio agli artisti ospiti attraverso un’analisi dei loro processi artistici che coinvolge la visione di più produzioni in modo da fornire al pubblico una chiave d’accesso alle opere consapevole e strutturata. Continueranno, inoltre, le attività collaterali del festival “Onda Anomala”, talk show a cura di Anomalia previsto nella giornata di venerdì 28 ottobre (ore 18); “Bazar – il Dopofestival”, momento in cui si incontreranno i protagonisti degli spettacoli con incursioni musicali della chitarrista Magda Azzilonna in programma sabato 29 ottobre (ore 22:30) e il lavoro dell’osservatorio critico deiragazzi under-25 che seguono e raccontano il festival attraverso scritti e interviste realizzate in occasione degli spettacoli teatrali.

Si partirà, dunque, venerdì 28 ottobre alle ore 19:00 con “Rosa dalla paura all’America” spettacolo scritto, diretto e interpretato da Nora Picetti tratto dall’autobiografia di Rosa Cassettari. Una storia femminile di migrazione e coraggio sulla vita di Rosa, che da Cuggiono, un paesino di contadini e filande vicino Milano, passando per le miniere del Missouri raggiunge la multietnica Chicago d’inizio Novecento. A seguire, alle 21:00, in scena “Schiaparelli Life” pièce interpretata da Nunzio Antonino Marco Grossi per la regia di Carlo Bruni basata sull’ultima parte di vita di Elsa Schiaparelli,grande stilista italiana e una delle più influenti figure della moda del Novecento che decide di concludere il proprio itinerario artistico e professionale, pubblicando un’autobiografia che già nel titolo ne riassume l’intensità: “Shocking life”. Nata a Roma, in una famiglia colta e ricca di talenti, protagonista fra le due guerre di quella rivoluzione del costume che avrebbe ispirato molte generazioni future, amica e collaboratrice di artisti come Dalì, Cocteau, Aragon, Ray, Clair, Duchamps, Sartre, dopo aver vestito Katharine Hepburn, Lauren Bacall, Greta Garbo, Marlene Dietrich, Elsa decide che quel “nuovo” mondo non la riguarda più e lo lascia, ritirandosi a vita privata. Il lavoro evoca proprio questo passaggio, prediligendo un’indagine emotiva sul distacco, tributo necessario ad ogni cambiamento, all’impossibile impresa di sintetizzare la vita di questa donna straordinaria.

La seconda giornata, sabato 29 ottobre, si aprirà alle ore 19 con due appuntamenti dedicati a Wangari Maathai, biologa, ambientalista e attivista keniota fondatrice del Green Belt Movement, organizzazione che arriverà a piantare oltre trenta milioni di alberi, salvando i “polmoni verdi” più importanti del Paese. Proprio dalla vita del Premio Nobel per la Pace, dunque, traggono linfa vitale “Solo il vento mi piegherà”, lettura scenica di Nora Picetti dall’omonima autobiografia di Wangari Maathai e “Ludus #Wangari”, performance estemporanea di danza e musica dal vivo di e con Carmen De SandiGiuseppe Pascucci in relazione all’opera pittorica di Tony Fasanella. Chiuderà la seconda giornata di spettacoli, alle ore 21:00, l’anteprima regionale di “Insight Lucrezia”, concerto teatrale diretto da Carlo Bruni con Nunzia Antonino e l’ensemble Orfeo Futuro da una scrittura originale di Antonella Cilento. La scena fantasmatica evoca la festa di nozze di Lucrezia Borgia con Alfonso D’Este a Ferrara. La preparazione, il rituale, i rapporti con gli invitati favoriscono una ricognizione della sua vita. L’ambiente è caratterizzato dalla presenza di un trono che suggerisce anche la funzione di confessionale, ma davanti una ribalta evoca evidentemente il Teatro, con orchestra di musici annessa per completare la rappresentazione del già avvenuto. La musica non “accompagna”, interagisce e talvolta interferisce: si manifesta nella presenza in “buca” dei musici, eppure anch’essa abita Lucrezia, le sta dentro.

Domenica 30 ottobre giornata conclusiva che comincerà alle ore 18:00 con “Artemisia”, spettacolo interpretato daFrancesca Formisano e Giuseppe Brancaccio per la regia e le coreografie di Carmen De Sandi (produzione Arti Sinespazio 3.0). La coreografa porta in scena una pièce teatrale dedicata ad Artemisia Gentileschi – pittrice, artista di grande talento e notevole personalità –in cui ne ripercorre ed elabora l’animo femminile, la violenza perpetrata sulla giovane da Agostino Tassi e il profondo dramma della sofferenza che la segnerà per tutta la vita, in un serrato confronto tra testo e danza. Chiuderà questa seconda parte del festival, alle ore 20:00, il terzo e ultimo appuntamento dedicato al duo artistico Bruni/Antonino“Lenor”, spettacolo dedicato ad Eleonora de Fonseca Pimentel. Portoghese d’origine, napoletana d’adozione, fu poetessa, scrittrice e una delle prime donne giornaliste in Europa. Una figura decisiva per la storia del nostro Paese e in particolare del Sud. Eleonora combatté sino al patibolo la volgarità e l’inganno, l’ignoranza e la barbarie. Raccontarla significa non solo rendere omaggio a una grande antenata, ma invitarla a guidarci ancora sul sentiero di questo tempo difficile.

Il festival proseguirà alla Cittadella degli Artisti nella terza settimana (10-13 novembre) con un viaggio nel passato intitolato “I volti degli artisti da Dioniso a Artemisia” che vedrà ospiti Antonio Calenda, il Teatro Libero di Palermo, Jacqueline Bulnes & Niklas Emborg Gjersøe, Arti Sinespazio 3.0 e la compagnia Anomalia.

Trame Contemporanee si concluderà con “Ritratti di Persona” (24-27 novembre) weekend incentrato sul progetto “Ritratti” diretto da Marianna de Pinto e nato da una collaborazione tra Malalingua ETS, il Centro Antiviolenza Pandora di Molfetta, Teatri di Bari (TRIC) e La Cicloide di Felice Di Lernia e coinvolge operatrici e utenti del Centro all’interno di un gruppo diversificato di donne e uomini del territorio. In questa ultima sezione è prevista la presentazione del  Concorso di Drammaturgia “Trame Contemporanee” giovedì 24 ottobre (ore 20:00) e  la chiusura con “Wormhole” di Med Free Orkestra feat Roy Paci per la serata del 26 novembre (ore 21:00).

Venerdì 28 ottobre

ore 18:00 – TALK SHOW Onda Anomala

ore 19:00 – SPETTACOLO Rosa dalla paura all’America

Scritto, diretto e interpretato da Nora Picetti
tratto dall’autobiografia orale di Rosa Cassettari
trascritta da Marie Hall Ets
ricerche storiche Ernesto Milani
musica popolare del Nord Italia Barabàn
ricerca di canti di filanda e di migrazione Guglielmo Gaviani
collaborazione alla regia Carlo Boso
audio e luci Emanuela Belmonte Roberto Bovati
costumi Adua Berselli
produzione e distribuzione Ryto APS.

ore 21:00 – SPETTACOLO Schiaparelli Life

con Nunzia Antonino e Marco Grossi
regia Carlo Bruni
testo Eleonora Mazzoni
scena Maurizio Agostinetto
immagini in movimento Bea Mazzone
luci Tea Primiterra, Giuseppe Pesce
consulenza/costumi Luciano Lapadula, Vito Antonio Lerario, Maria Pascale

Sabato 29 ottobre

ore 19:00 –  READING Solo il vento mi piegherà

di Maathai Wangari
lettura scenica di Nora Picetti
scene, costumi, audio e luci di Roberto Bovati
coproduzione Malalingua ETS – Ryto APS – Arti Sinespazio 3.0

PERFORMANCE Ludus #Wangari

Ideazione concept Carmen De Sandi e Giuseppe Pascucci
Coreografie di e con Carmen De Sandi
Musiche di e con Giuseppe Pascucci
Opera pittorica di Tony Fasanella
Produzione Arti Sinespazio 3.0/Malalingua

ore 21:00 – SPETTACOLO Insight Lucrezia

da una scrittura originale di Antonella Cilento
un concerto teatrale con Nunzia Antonino e l’ensemble Orfeo Futuro
viola da gamba Gioacchino De Padova
viola da gamba e voce Luciana Elizondo
viola da braccio Luca Alfonso Rizzello
tiorba Giuseppe Petrella
live electronix Gianvincenzo Cresta
serva Carlotta Pistillo
assistente di regia Antonella Ruggiero
costume di Lucrezia Luigi Spezzacatene
regia Carlo Bruni Linea d’onda – Associazione di bonifica culturale
con il sostegno di Teatro Koreja
in collaborazione con Kuziba compagnia teatrale | Sistema Garibaldi
Progetto teatrale di rete | Circolo dei Lettori di Bisceglie

ore 22:30 – DOPOFESTIVAL Bazar

Il Dopo Festival a cura di Anomalia e dei coordinamenti Universitari di Bari

Domenica 30 ottobre

ore 18:00 – SPETTACOLO Artemisia

Regia e coreografie Carmen De Sandi
Testo Luca Lombardo
Interpreti Francesca Formisano, Giuseppe Brancaccio
Costumi Noemi Intino
Regia audio Giuseppe Pascucci
Light Designer Ignazio Claudio De Robertis

ore 19:30 – Aperitivo

ore 20:00 – SPETTACOLO Lenor

di Enza Piccolo, Nunzia Antonino e Carlo Bruni
dedicato a Eleonora de Fonseca Pimentel
con Nunzia Antonino
regia Carlo Bruni

© Riproduzione riservata

Altro in Cultura e Spettacolo

Altri Articoli di

Menu