25 Luglio 2024 - Ore
Cronaca

Bisceglie, uccisero un pregiudicato nell’agosto del 2017: due arresti

Il raid, accaduto a breve distanza da un altro agguato mortale nel giugno dello stesso anno, aveva insanguinato l'estate biscegliese e terrorizzato la comunità locale per le modalità mafiose dell'esecuzione

I carabinieri hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere e numerose perquisizioni a Bisceglie (Bt) per l’omicidio di Girolamo Valente risalente all’agosto 2017. Le indagini, coordinate da Luciana Silvestris della Direzione distrettuale antimafia di Bari, hanno permesso di raccogliere “gravi indizi di colpevolezza in relazione all’efferato omicidio” che, ha coinvolto anche la moglie di Valente, che nell’occasione rimase ferita in modo lieve. Provvedimenti cautelari contro uno dei boss del clan Capriati di Bari, di 48 anni, e un pregiudicato biscegliese di 31 anni.

Il raid, accaduto a breve distanza da un altro agguato mortale nel giugno dello stesso anno, aveva insanguinato l’estate biscegliese e terrorizzato la comunità locale per le modalità mafiose dell’esecuzione. I due sicari (uno dei quali in corso di identificazione) agirono in pieno giorno, secondo la ricostruzione dei carabinieri del Comando provinciale di Bari, con volto nascosto da un casco integrale e muniti di giubbotto antiproiettile. A bordo di un motorino, affiancarono l’auto sulla quale viaggiava la vittima insieme alla moglie ed esplosero 18 colpi di mitragliatrice, in cui Valente fu ucciso e la moglie rimase ferita.

Sulla base di quanto emerso dalle indagini, il movente che avrebbe spinto il giovane biscegliese, arrestato in queste ore, ad uccidere il pluripregiudicato Girolamo Valente sarebbe scaturito da una duplice motivazione: da un lato soddisfare il desiderio di vendetta per la presunzione che egli avesse decretato la sentenza di morte nei confronti del fratello e, dall’altro lato, per affermare la propria personalità criminale nel locale traffico di sostanze stupefacenti. In questa ottica, dunque, il benestare del boss Capriati, tradottosi nell’ordine di uccidere Valente, avrebbe garantito al killer la necessaria ‘protezione’ da eventuali vendette. Entrambi i destinatari delle misure del Gip di Bari erano già sottoposti a misure cautelari restrittive per altri procedimenti.

© Riproduzione riservata

Altro in Cronaca

Ultimi correlati per tag

Altri Articoli di

Menu