6 Febbraio 2023 - Ore
Salute

Dolci rimedi naturali: miele di manuca e di ulmo

Forte la loro carica antibatterica

MGO è la sigla di MethylGlyOxal o Metilgliossale in Italiano, è un composto che si forma naturalmente nel nettare del fiore di Manuka, pronto per essere raccolto dalle api ed è il componente responsabile delle proprietà eccezionali del miele di Manuka.
Nel miele di Manuka il Metilgliossale rimane stabile al calore e alla luce ed è resistente all’attività enzimatica nei fluidi corporei.
L’attività antibatterica degli altri mieli deriva dalla formazione del perossido di idrogeno e svanisce velocemente quando è soggetta alle condizioni dove invece il Metilgliossale rimane stabile.
Quali sono i vantaggi del Miele di Manuka?
1. E’ un potente e naturale antibatterico, antibiotico, antivirale, antiossidante, antisettico, antinfiammatorio;
2. Sulle ferite crea un ambiente di guarigione che permette alle nuove cellule della pelle di crescere a filo della ferita, prevenendo deformità della pelle e cicatrici;
3. Cancella rapidamente le infezioni e distrugge i batteri;
4. Accelera il processo di guarigione;
5. Elimina i cattivi odori distruggendo i batteri che ne sono la causa;
6. Può guarire dallo staffilococco e distruggere le infezioni date da ceppi di batteri resistenti agli antibiotici;
7. La viscosità del Miele di Manuka fornisce una barriera protettiva per evitare l’infezione delle ferite;
8. Stimola la crescita dei tessuti coinvolti nel processo di guarigione;
9. Possiede un’azione antinfiammatoria che allevia il dolore;
10. Ha proprietà antifunginea che può curare la tigna, il piede d’atleta ed i funghi in generale;
11. Il Miele di Manuka è completamente naturale e biologico;
12. Non ha effetti collaterali noti.
È il classico rimedio della mamma: un bicchiere di latte caldo con un cucchiaino di miele per calmare la tosse secca che impedisce un tranquillo riposo. Ma quanto è realmente efficace questa gustosa combinazione?
Dipende dalla qualità del miele: c’è una particolare varietà di miele, il miele Ulmo, che si comporta come un potente antibatterico persino più efficace di alcuni antibiotici di sintesi.
la scoperta è di un gruppo di ricercatori irlandesi afferenti al Dipartimento di Microbiologia Clinica del Royal College of Surgeons di Dublino che ha testato tre diversitipi di miele e la loro azione nei confornti di 5 diversi ceppi di virus delle vie respiratorie, in particolare lo ‘Staphylococcus aureus’ responsabile della maggior parte delle bronchiti delle vie respiratorie superiori.
La ricerca si è concentrata sul miele Ulmo, prodotto dalle api che si nutrono del polline di un albero tipico del Cile chiamato Ulmo, del miele di Manuka, prodotto dalle api che si nutrono del polline di un piccolo albero della Nuova Zelanda e di un miele artificiale di laboratorio. Sotto la lente di ingrandimento anche ceppi virali responsabili di infiammazioni cutanee, foruncoli e ascessi, e infezioni dell’apparato gastrointestinale dovute per lo più a tossine sprigionate da alimenti.
www.fogliedivita.com

© Riproduzione riservata

Altro in Salute

Ultimi correlati per tag

Altri Articoli di

Menu