29 Novembre 2022 - Ore
Cronaca

PER I DANNI DEL MALTEMPO IL COMUNE DI BITONTO CHIEDE ALLA REGIONE LA DICHIARAZIONE DELLO STATO DI EMERGENZA

Richiesta dello stato di emergenza. Chiusura al traffico di via Solferino, che resta zona rossa presidiata. Limitazioni alla viabilità per […]

Richiesta dello stato di emergenza. Chiusura al traffico di via Solferino, che resta zona rossa presidiata. Limitazioni alla viabilità per i mezzi pesanti. Riapertura di tutte le scuole del centro urbano.

Sono le decisioni assunte questa mattina dal Comitato Operativo Comunale (C.O.C.) convocato nella sede della Polizia locale dal sindaco di Bitonto, Francesco Paolo Ricci, per affrontare l’emergenza determinata dal violento nubifragio di domenica pomeriggio, che ha provocato gravi disagi e seri danni sul territorio comunale e in particolare in via Solferino dove ha ceduto il muretto di contenimento sul ponte, compromettendo la sicurezza della sede stradale.

La richiesta alla Regione della dichiarazione dello stato di emergenza, in considerazione dell’eccezionalità dell’evento atmosferico, è stata deliberata al termine della riunione del C.O.C. dalla Giunta comunale, che contestualmente ha deciso di rendere disponibili risorse economiche straordinarie per fronteggiare i danni e le spese strettamente necessarie per le conseguenze dell’evento, in merito alle quali sarà inviata una dettagliata relazione alle competenti strutture regionali.

La chiusura alla sosta e al traffico veicolare e pedonale di via Solferino, strada che collega piazza Caduti del Terrorismo a via Castelfidardo lungo il percorso del torrente Tiflis, era stata già disposta nella serata di domenica. Oggi si è deciso di presidiare, anche con l’ausilio dei volontari della protezione civile, i due estremi della strada, che resta zona rossa, anche per disciplinare al meglio il passaggio pedonale dei residenti nelle abitazioni che vi si affacciano.

Il divieto di circolazione su via Solferino, che è arteria strategica nella rete viaria cittadina anche per il traffico pesante in ingresso dalla strada provinciale 231, ha reso necessaria una riformulazione del piano della viabilità con restrizioni specifiche per i mezzi pesanti. Con l’ordinanza n. 841/2022 la Polizia locale ha istituito il divieto di transito per tutti i veicoli di massa superiore a 3,5 tonnellate (esclusi i soli mezzi del trasporto pubblico) su via Palo e via Modugno in direzione centro, su via Castelfidardo in direzione di via Solferino. I veicoli provenienti da via Carducci all’incrocio con via Solferino avranno l’obbligo di svolta a sinistra in direzione di piazza Caduti del Terrorismo.

Decisa anche la riapertura di tutte le scuole nel centro urbano, i cui cancelli sono rimasti chiusi nella giornata odierna “consentendo – ha ribadito il Sindaco – di gestire con la dovuta tranquillità i necessari sopralluoghi tecnici nella zona e la verifica delle condizioni degli edifici scolastici per escludere eventuali problematiche”. La circolazione veicolare nella zona del Liceo classico “Carmine Sylos”, che potrebbe risentire in maniera pesante della vicinanza all’area di via Solferino, sarà oggetto di specifica attenzione con presidio da parte della Polizia locale e dei volontari della protezione civile.

Resta confermato per le prossime ore anche l’ordine di evacuazione di due abitazioni, che ha comunque carattere cautelativo e dovrebbe rientrare non appena completate le verifiche dei tecnici comunali, necessarie per garantire alle due famiglie coinvolte la piena sicurezza.

“In questa situazione emergenziale – ha sottolineato il sindaco Ricci – è necessaria la massima collaborazione da parte di tutti i cittadini. Le prevedibili difficoltà nel traffico veicolare potranno essere contenute se proveremo tutti a limitare il più possibile l’uso dell’auto”.

“Il lavoro che ci attende – ha quindi aggiunto il Sindaco – è particolarmente gravoso, dal momento che i primi rilievi effettuati dai nostri tecnici lungo il fronte della Lama, hanno evidenziato forti criticità, sulle quali si rende necessario intervenire per una messa sicurezza indispensabile per scongiurare che un nuovo nubifragio di simile portata possa provocare danni ancora più seri”.

© Riproduzione riservata

Altro in Cronaca

Ultimi correlati per tag

Altri Articoli di

Menu