24 Aprile 2024 - Ore
Cronaca

Checco Zalone, appello per la rieducazione in carcere: ‘I detenuti non sono marchiati a vita’ (VIDEO)

Il comico pugliese ha inviato un videomessaggio agli stati generali dell'esecuzione penale che si tengono a Rebibbia

Il comico pugliese Luca Medici, in arte Checco Zalone, ha lanciato un messaggio per la rieducazione nelle carceri italiane durante gli stati generali dell’esecuzione penale che si svolgono a Rebibbia.

 

“All’inizio non volevo fare questo video – ha spiegato l’attore – poi mi sono ricordato che non sono una persona stupida e che ho studiato anche il diritto costituzionale. La Costituzione dice che la detenzione deve avere anche una funzione rieducativa – afferma Zalone nel video – purtroppo sappiamo che non è così, perché tendiamo ad allontanare le persone che hanno subito una condanna come se fossero macchiati a vita. Mi auguro che un giorno un ex detenuto che ha scontato la sua pena possa un giorno ricevere un mutuo in una banca”.

“Voglio esprimere così la mia vicinanza – ha concluso l’artista – alle persone che si trovano in condizioni difficili. Ho iniziato la mia carriera interpretando un personaggio che salutava gli amici delle case circondariali di Taranto e Trani con augurio di una presta libertà, oggi li saluto nuovamente».

© Riproduzione riservata

Altro in Cronaca

Ultimi correlati per tag

Altri Articoli di

Menu