27 Febbraio 2024 - Ore
I like Consumatori

Confconsumatori deposita querele a tutela dei possessori di auto Volksvagen coinvolte nel ‘Dieselgate’

La rubrica di Confconsumatori Puglia

La Confconsumatori Puglia, con gli avv.ti Giuseppe Dipasquale e Francesca Summaria, ha depositato denunce-querele, a tutela di alcuni possessori di auto Volkswagen, dove chiede di verificare la sussistenza dei reati di truffa e frode in commercio, nei confronti dei vertici della citata casa automobilistica. L’azione penale è finalizzata anche alla richiesta di risarcimento del danno derivante dalle condotte illecite subite dall’acquirente dell’auto.

Come noto, “Dieselgate” è il termine utilizzato per descrivere la vicenda della quale si è reso colpevole il gruppo Volkswagen, per aver inserito (così come ammesso dalla stessa casa tedesca), fra le proprie vetture con motore a gasolio, un software (chiamato defeat device) che altera in maniera fraudolenta i risultati delle emissioni di inquinamento, in fase di controllo antismog. Tale condotta, secondo i legali di Confconsumatori, ha indotto in errore il consumatore, nell’acquisto, per un verso, di un’auto sulla quale è installata a propria insaputa una centralina truffaldina e, per altro verso, un’autovettura con caratteristiche e qualità ben differenti rispetto a quelle pattuite in sede di acquisto ed ufficialmente dichiarate dalla casa automobilistica.

L’avv. Summaria ricorda che l’obiettivo della denuncia querela è quello di richiedere il risarcimento del danno patito dal consumatore attraverso la successiva costituzione di parte civile nel giudizio che si andrà ad instaurare nei confronti dei vertici della casa automobilistica tedesca.

L’avv. Dipasquale specifica che per il deposito della denuncia-querela è necessario per il consumatore aver ricevuto da VW la formale e prescritta lettera di richiamo, per l’aggiornamento del software truffaldino della propria auto, poiché questa convocazione comprova documentalmente, che la propria autovettura è coinvolta nello scandalo diesegate e che, pertanto, si è stati vittima di ipotesi di reato, come innanzi esposto.

francesca.summaria@gmail.com

© Riproduzione riservata

Altro in I like Consumatori

Ultimi correlati per tag

Altri Articoli di

mondositiscommesse.it
Menu