27 Novembre 2022 - Ore
Cronaca

FESTIVAL DELLE BUONE PRATICHE URBACT

A BARI LA QUARTA EDIZIONE DEL FESTIVAL DELLE BUONE PRATICHE URBACT

Oggi e domani a Bari si discuterà delle migliori esperienze urbane italiane nell’ambito della quarta edizione del Festival delle Buone Pratiche URBACT. 

L’evento, organizzato da Anci in qualità di Punto nazionale URBACT per l’Italia, in collaborazione con il Comune di Bari e la Regione Puglia, con il supporto dell’Urban Center Bari, dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Bari e dell’Università degli Studi di Bari, vedrà al centro le soluzioni e le esperienze sviluppate nell’ambito delle reti di città europee finanziate dal principale programma UE sullo sviluppo urbano sostenibile.

La quarta edizione del Festival URBACT, presentata questa mattina a Palazzo di Città, ospiterà due keynote speaker di fama internazionale come Paolo Verri, esperto di sviluppo urbano e già direttore del Piano strategico di Torino e di Matera capitale europea della Cultura 2019, e Carlos Moreno, accademico franco-colombiano teorico del concetto “città dei 15 minuti” ripreso dalla Sindaca di Parigi Anne Hildago. Il festival vedrà inoltre la partecipazione di rappresentanti istituzionali nazionali, regionali e locali e la testimonianza diretta di oltre 20 città italiane impegnate nei network URBACT.

“Torna a Bari, per la sua IV edizione, il festival delle Buone Pratiche Urbact – ha esordito il sindaco Antonio Decaro in conferenza stampa -. Un’iniziativa promossa dall’Anci che mette al centro le istanze delle città rappresentate attraverso una serie di buone pratiche che noi sindaci crediamo sia fondamentale condividere per imparare gli uni dagli altri e favorire così la crescita del Paese. Dopo la pandemia e la grande crisi che ha investito le città in tutto il mondo le riflessioni che saranno proposte ci offriranno uno spaccato di grandissima attualità, oltre ad una prospettiva di visione e governo delle nostre comunità che mette al centro il valore della cooperazione tra città e tra i diversi soggetti istituzionali. Se c’è una cosa su cui in questi anni abbiamo acquisito consapevolezza è che dobbiamo investire per accorciare le distanze tra centro e periferie, anche perché le povertà hanno costi sociali sempre più drammatici. Sappiamo anche che nelle città si concentrano le vere sfide del futuro da affrontare tutti insieme: il cambiamento climatico, le migrazioni, la crisi demografica. Di questo e di tanti altri temi si discuterà durante Urbact che offrirà ai sindaci di tutta Italia e ai cittadini un canale privilegiato di confronto e di scambio tra addetti ai lavori, che porteranno a Bari esperienze e testimonianze di realtà urbane provenienti da tutto il mondo. 

Siamo particolarmente lieti, inoltre, quest’anno di avere con noi Carlos Moreno e Paolo Verri. Il primo perché, con la sua teoria dei 15 minuti, è stato un vero e proprio pioniere dei programmi post-pandemici: a lui si sono ispirate molte città del mondo, compresa la nostra. Il secondo perché è uno studioso dei fenomeni e delle dinamiche cittadine e uno straordinario esploratore di soluzioni nuove. Dal 2006 è stato per noi fonte di ispirazione prima con il suo Piano strategico di Torino, poi come commissario di Pugliapromozione e, ancora, tra anni fa quando ha guidato la sfida di Matera Capitale della Cultura 2019, con cui Bari ha stretto da subito un accordo di collaborazione. 

Perciò mi auguro che i cittadini possano cogliere quest’occasione di studio e conoscenza per comprendere che difficoltà e opportunità che viviamo a Bari sono le stesse di altre realtà italiane ed europee”. 

“Sono orgogliosa di essere qui a presentare la quarta edizione del Festival Urbact al fianco di Paolo Verri, che non ha bisogno di presentazioni in quanto è uno dei maggiori esperti dello sviluppo urbano in Italia e in Europa, e Simone D’Antonio, che rappresenta l’Urbact Point Italia – ha proseguito l’assessora ai Fondi comunitari Paola Romano -. Dal 2017, quando Bari ha scelto per la prima volta di partecipare ad Urbact, questo programma e questo festival hanno rappresentato un appuntamento imperdibile per costruire reti lunghe con le città italiane ed europee impegnate in percorsi di innovazione sociale e rigenerazione urbana. Nel 2017 abbiamo costituito la prima rete con due città per molti versi simili alla nostra, Lisbona e Aalborg, e da quell’esperienza abbiamo imparato moltissimo, aprendo un confronto qualificato sul riutilizzo degli immobili pubblici nei quartieri periferici da realizzare attraverso la partecipazione dal basso. Proprio da lì è nata parte della programmazione che poi abbiamo portato avanti negli ultimi anni a Bari e che ha determinato dei cambiamenti nella geografia dei quartieri e della socialità delle persone, come nel caso del bistrot etnico nato negli spazi del Redentore in cui lavorano donne migranti fuggite da Paesi in guerra che propongono piatti del mondo a prezzi popolari. Questa due giorni di confronto e apprendimento ci darà ulteriori elementi per prepararci ai bandi Urbact del prossimo mese di ottobre ai quali parteciperemo con convinzione perché vogliamo continuare ad alimentare reti virtuose per poter continuare ad imparare come amministratori e politici. È dal confronto con esperienze avanzate in Italia e in Europa che passa la possibilità di migliorarci e migliorare la nostra città”. 

“Per me è sempre un onore, oltre che un piacere, tornare a Bari, dove c’è una classe dirigente di alto livello in grado di parlare ad altre città italiane ed europee di buone pratiche – ha commentato Paolo Verri -. Siamo quindi non solo nel luogo giusto per la natura di questo festival ma anche in in un momento di sfida straordinaria, in cui i dati disponibili evidenziano una tendenza ormai incontrovertibile sul ruolo della città nel pianeta: al 2030 in 15 città del mondo si concentreranno il 30% della ricchezza globale e il 12% della popolazione mondiale. In questo scenario l’Europa sta vivendo una grave contrazione demografica con un invecchiamento sempre più spiccato, mentre si registra una tendenza contrapposta dall’altra parte del Mediterraneo, dove nei prossimi dieci anni si stimano 1 miliardo 400 mila nuovi abitanti, l’8% dei quali diventeranno sicuramente migranti. Sappiamo, dunque, che ci attende un lavoro straordinario sulle nostre città e sul sistema Paese tutto: è quindi tempo di stringere un patto più grande fra le città che rappresentano il motore del pianeta, la condizione di pace del mondo, l’opportunità di sviluppo per i giovani e il luogo in cui avere cura degli anziani. E tuttavia, in Italia le città sono ancora prive di un luogo di concentrazione di intelligenze, ricchezze e investimenti diversamente di quanto accade in Europa. 

Questo festival ha, perciò, una doppia funzione: una eminentemente pratica, quella di disseminare delle opportunità tra le persone competenti e i cittadini, e una fortemente simbolica, che richiede un’enorme concentrazione sulla visione, sulla programmazione e sul coinvolgimento attivo delle persone per dar vita a città competitive nel quadro globale, anche attraverso la programmazione 2023-30 e la contestuale disponibilità dei fondi del Pnrr, che occasioni come Urbact devono aiutarci a spendere al meglio. Questa è la sfida che attende l’Italia e l’Europa nei prossimi anni, una sfida che parla di inclusività e di innovazione sociale”. 

Come Anci da qualche anno siamo punto nazionale del programma Urbact – ha concluso Simone D’Antonio del National URBACT Point di ANCI -. È la quarta edizione che organizziamo qui a Bari, perché questa città ha dato prova di essere un grande laboratorio di innovazione sociale. L’obiettivo di questo festival è raccontare le soluzioni urbane praticate in questi anni, aprendo il racconto non solo agli addetti ai lavori ma a tutti i cittadini e categorie interessate. Anche quest’anno la scelta dei luoghi del festival non è casuale, rappresenta infatti il grande lavoro di rigenerazione urbana in corso, in questo caso negli spazi culturali della città. Parleremo in particolare delle tre dimensioni dello sviluppo urbano sostenibile: le città verdi, le città produttive e le città inclusive, giuste. Saranno i rappresentanti di venti città italiane partner dei network Urbact a parlare delle esperienze messe in campo non solo con riferimento al nostro Paese ma anche all’Europa, a riprova di come i temi che citava Paolo Verri qualche minuto fa trovino concreta applicazione nella vita delle comunità. Coinvolgere i cittadini nel disegno di soluzioni e di azioni innovative è il cuore del programma Urbact, che rappresenta il principale strumento di cui l’Ue si è dotata per supportare i percorsi di sviluppo sostenibile delle città.

Noi come Anci siamo convinti che Urbact sia anche un mezzo che ci aiuterà a spendere al meglio i fondi del Pnrr, disegnando servizi e strumenti capaci di impattare positivamente sulla vita delle persone nei centri come nelle periferie”. 

 

Sulla scorta delle esperienze realizzate nelle edizioni precedenti, il Festival URBACT intende confermarsi come il luogo di condivisione nazionale di idee e visioni sugli approcci più innovativi in materia di sviluppo delle città. Sostenibilità ambientale, innovazione sociale, rilancio economico e design partecipativo degli spazi pubblici sono alcuni dei temi al centro dell’evento, che punta a condividere con un pubblico di esperti, funzionari pubblici, architetti e cittadini attivi il valore aggiunto delle esperienze condotte grazie allo scambio tra realtà urbane italiane ed europee negli ultimi anni.

Le azioni-pilota e le pianificazioni integrate sviluppate dalle città attive negli Action Planning Network finanziati dal programma URBACT costituiscono il punto di partenza per una riflessione sugli strumenti finanziari utili per l’attuazione di interventi concreti nei territori, e più in generale sul futuro delle città che le amministrazioni stanno costruendo in collaborazione con gli attori dinamici dei territori nel quadro della nuova programmazione 2021-2027. 

Nel corso del festival saranno fornite le prime anticipazioni sul prossimo programma URBACT IV a valere sulla programmazione 2021-2027 e sui bandi in uscita in autunno.

L’evento si svolgerà tra il Museo Civico e la Biblioteca metropolitana De Gemmis – complesso di Santa Teresa dei Maschi (auditorium e terrazza), promuovendo così un’interazione costante tra i temi dell’evento e gli spazi culturali recentemente valorizzati nel percorso di rigenerazione urbana del capoluogo pugliese. 

Funzionari e amministratori delle città italiane URBACT sono i veri protagonisti dell’evento che negli ultimi anni ha rafforzato lo spirito di comunità tra gli artefici dei progetti di innovazione e offerto spunti e indicazioni utili ad amministrazioni, professionisti e cittadini attivi per consolidare sui territori esperienze di valore europeo. 

 

Di seguito il programma. 

Per prenotarsi agli eventi: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-festival-nazionale-delle-buone-pratiche-urbact-iv-edizione-367481435867

 

 

 

IL PROGRAMMA

 

GIOVEDÌ 7 LUGLIO

 

 

Ore 15.00-16.15

Biblioteca metropolitana di Bari De Gemmis – Complesso Santa Teresa dei Maschi

 

Saluti istituzionali

Paola Romano, Assessora ai Fondi Comunitari della Città di Bari

Alessandro Delli Noci, Assessore all’innovazione Regione Puglia

 

Le sfide delle città mondiali

Dialogo con Paolo Verri

Modera: Simone d’Antonio, URBACT National Point

 

 

Ore 16.30-17.30

Biblioteca metropolitana di Bari De Gemmis – Complesso Santa Teresa dei Maschi

 

Città verdi – Le esperienze delle città URBACT

La sessione metterà in evidenza i risultati raggiunti dai network URBACT italiani attivi sui temi della sostenibilità ambientale ed energetica

Modera: Alessandro Cariello, Staff del Sindaco, Città di Bari

Intervengono le seguenti città: Modena, Reggio Emilia, Prato, Palma di Montechiaro, Unione della Bassa Romagna, Bergamo

 

 

Ore 17.45-19.00

Biblioteca metropolitana di Bari De Gemmis – Complesso Santa Teresa dei Maschi

 

Città produttive – Le esperienze delle città URBACT

La sessione presenterà le esperienze di innovazione e promozione della competitività economica realizzate dalle città italiane impegnate negli Action Planning Network URBACT.

Modera: Elisa Filippi, URBACT National Point

Intervengono le seguenti città: Genova, Venezia, Perugia, Grosseto, Messina, Cesena

 

 

 

VENERDÌ 8 LUGLIO

 

Ore 9.15-11.00

Museo Civico

 

Città giuste – Le esperienze di URBACT

La sessione si focalizzerà sulle esperienze di innovazione sociale e inclusione realizzate dalle città URBACT nell’ambito degli Action Planning Network.

Modera: Vitandrea Marzano, Staff del Sindaco, Città di Bari

Intervengono le seguenti città: Milano, Pordenone, Falerna, Messina, Torino

 

 

Ore 11.15-13.00

Museo Civico

 

Città inclusive e sicure – Le esperienze di URBACT

La sessione si focalizzerà sulle esperienze di partecipazione civica e inclusione sociale realizzate nell’ambito dei network URBACT.

Modera: Simone d’Antonio, URBACT National Point

Intervengono le seguenti città: Cento, Parma, Unione della Romagna Faentina, Udine, Roma, Trapani

 

 

Ore 15.30- 17.00

Museo Archeologico di Santa Scolastica

Study Visit

La rigenerazione del Museo Archeologico di Santa Scolastica nel centro storico di Bari

 

 

Ore 17.15 – 18.45

Biblioteca De Gemmis – Complesso S. Teresa dei Maschi

 

Presentazione City School Bari – Per il governo della città complessa

Intervengono: Gianfranco Dioguardi, Francesco Maggiore, Letizia Carrera, Paolo Ponzio, Vitandrea Marzano

 

 

Ore 19.15-20.30

Terrazza della Biblioteca De Gemmis – Complesso S. Teresa dei Maschi

 

La città dei 15 minuti

Antonio Decaro, Sindaco di Bari e Presidente ANCI

Carlos Moreno, Urbanista dell’Università Sorbona di Parigi e teorico della città dei 15 minuti

Modera: Simone d’Antonio, URBACT National Point

Discussant: Letizia Carrera, Sociologa Urbana, Università degli Studi di Bari

© Riproduzione riservata

Altro in Cronaca

Altri Articoli di

Menu