27 Novembre 2022 - Ore
Universita

Geteasybike Poliba: un nuovo progetto per gli studenti universitari di Bari

L'idea è di tre giovani pugliesi (VIDEO TUTORIAL)

Facebook
Si chiama Geteasybike Poliba ed è il nuovo servizio di bike sharing per la comunità universitaria barese.
Di nuova generazione, totalmente virtuale ed interattivo consentirà di abbattere i tempi di attesa, ricerca e disponibilità del mezzo in città in qualsiasi attraverso la semplice interrogazione e prenotazione sul proprio smart-phon, tablet, ecc..
Il progetto, ideato da tre giovani pugliesi, Alessandra Aquilino, Francesco Pasculli e Gaetano Raimondosi è classificato al 15° posto tra i duemila progetti che hanno partecipato all’iniziativa della Regione Puglia, “Principi Attivi – Giovani Idee per un Puglia Migliore”. L’idea progettuale sperimentale, promossa dall’Associazione “App for Mobility, con la partnership del Poliba di Elaborazioni.org e di Radioluogocomune, parte da oggi con 50 biciclette e avrà una durata sperimentale di 4 mesi. Attivo da alcuni mesi con un’analisi di mobilità che ha coinvolto fino ad oggi 200 studenti universitari ricadenti nel campus barese,avrà come punto di studio privilegiato l’area del campus barese e i suoi principali abitanti: gli studenti del Poliba.
La sperimentazione di Geteasybike segue infatti un lungo percorso di coinvolgimento degli studenti, avviato a marzo e proseguito per tutto aprile tra le aule del Poliba. L’intero sistema di bike sharing è stato infatti calibrato in base alle esigenze di mobilità della popolazione universitaria, grazie allo studio dei principali spostamenti e luoghi di studio, lavoro, ritrovo in un’area geografica allargata ai quartieri più centrali della città.
L’analisi (tutt’ora in corso ed aperta fino ai primi di giugno) ha definito dunque una prima mappa virtuale da utilizzare in Geteasybike per il rilascio delle biciclette. Con il sistema ideato da Geteasybike infatti l’utente non è più vincolato al rilascio del mezzo in una stazione predeterminata ma ha la libertà di rilasciare il mezzo in un qualsiasi punto della città purché pubblico ed accessibile a tutti gli utenti (rastrelliere, aree di sosta, park & ride, piazze ed aree pedonali, marciapiedi, piste ciclabili ecc..).
Altro elemento innovativo del progetto del Poliba è rappresentato dall’infrastruttura: eliminate le stazioni e le colonnine di scambio, il bike sharing si basa esclusivamente su un’applicazione informatica, sviluppata oggi su tutti i sistemi Android e IOS. Con questa applicazione l’utente può accedere a tutti i servizi di bike sharing: dalla geo-localizzazione del mezzo più vicino fino alla prenotazione dello stesso, all’uso.
“Il Poliba è sempre attento al supporto di iniziative innovative, ed eco-compatibili e ai progetto che valorizzano la creatività dei nostri giovani – ha dichiarato il Rettore del Politecnico, Eugenio Di Sciascio. – Ci auguriamo sinceramente che l’iniziativa abbia successo.”

© Riproduzione riservata

Altro in Universita

Ultimi correlati per tag

Altri Articoli di

Menu