25 Luglio 2024 - Ore
Donne

Donne, scende l’occupazione in Puglia: pesa l’ostacolo maternità

La consigliera per la parità, Serenella Molendini: 'Maternità nodo centrale nonostante la conciliazione sia una delle priorità dell'Agenda europea'

Scende in maniera significativa l’occupazione femminile in Puglia. Secondo i dati emersi dal tavolo sulle discriminazioni di genere avviato dalla consigliera regionale di parità, Serenella Molendini, la maternità continua ad essere uno degli ostacoli principali per l’assunzione delle donne. Diminuisce la presenza femminile nelle aziende medio-grandi, mentre le ‘fortunate’ vengono assunte con contratti part-time e difficoltà di accesso alla formazione.

“Il nodo centrale della scarsa partecipazione delle donne al mercato del lavoro è in larga misura imputato alla questione più generale del problema della maternità – scrive Serenella Molendini in una nota – della non condivisione della “cura” e del work-life balance e di un’organizzazione del lavoro rigida, nonostante, nel corso degli ultimi venti anni, il tema della conciliazione sia stato una delle priorità dell’Agenda europea che ha elaborato e adottato Raccomandazioni, Direttive, Patti e Strategie, fino alla Strategia 2020”.

Anche Elena Gentile, ex assessora al Welfare, ha commentato gli ultimi dati: “Se c’è qualcuno da espellere nel circuito lavorativo si parte dalle donne, l’osservatorio è un occhio sulle situazioni più scabrose, nonostante i bandi c’è un ritardo importante nella formazione”.

L’osservatorio verrà presentato domani 3  novembre a Bari, al dipartimento di giurisprudenza dell’università. Interverranno, fra gli altri, la consigliera nazionale di parità Franca Cipriani, docenti, sindacalisti, Confindustria Puglia e assessori regionali.

© Riproduzione riservata

Altro in Donne

Ultimi correlati per tag

Altri Articoli di

Menu