31 Gennaio 2023 - Ore
Cronaca

Trani, gel igienizzante mani non a norma: maxi sequestro della Guardia di Finanza

Le Fiamme Gialle hanno individuato 1800 confezioni: il prodotto presentava una concentrazione di principio attivo (ipoclorito di sodio) molto bassa

Gli agenti della Guardia di Finanza hanno sequestrato 1800 confezioni di gel igienizzante per le mani in un’azienda di Trani.  Sulla base degli accertamenti svolti dalle Fiamme Gialle, con il contributo del Dipartimento di Farmacia – Scienze del Farmaco dell’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari è infatti emerso, nel corso delle indagini chimico-fisiche sul prodotto, che il gel igienizzante mani presentava una concentrazione di principio attivo (ipoclorito di sodio) molto bassa, non certamente utile allo scopo igienizzante né paragonabile all’effetto determinato dalle soluzioni alcooliche a concentrazione superiore al 70%, raccomandante dalle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Dopo aver ricostruito la filiera distributiva del prodotto su tutto il territorio nazionale, le Fiamme Gialle hanno poi proceduto all’esecuzione di un decreto di sequestro preventivo d’urgenza emesso dal Pubblico Ministero della Procura della Repubblica di Trani, con l’obiettivo di ritirare dal mercato centinaia di litri del citato prodotto che, oltre a non garantire l’efficacia igienizzante che ne finalizza l’acquisto, rappresenta un potenziale pericolo per la salute e la sicurezza dei consumatori, alimentando in essi il falso convincimento di aver adottato degli strumenti effettivamente in grado di eliminare o ridurre il rischio di contagio, con ciò che ne conseguirebbe in termini di pericolo per la salute pubblica.

I titolari delle attività commerciali con sede in Trani sono stati denunciati a piede libero all’Autorità Giudiziaria per i reati di “frode in commercio” e “vendita di prodotti industriali con segni mendaci”, di cui agli artt. 515 e 517 del codice penale, mentre nei confronti della società la Procura di Trani ha disposto il sequestrato dell’ammontare del profitto del reato, per oltre 26.000 euro.

L’attività di servizio svolta conferma l’efficacia del dispositivo di controllo economico del territorio garantito dalle Fiamme Gialle nelle provincie di Bari e B.A.T. anche in questo particolare e delicato momento, in cui è quanto mai necessario dare massima priorità alla tutela della sicurezza e della salute dei cittadini, che possono contare sempre – lo ricordiamo – anche sul numero di pubblica utilità ‘117′ della Guardia di Finanza, attivo 24 ore su 24, per segnalare qualsiasi irregolarità economico-finanziaria, anche legata all’emergenza sanitaria in atto.

© Riproduzione riservata

Altro in Cronaca

Ultimi correlati per tag

Altri Articoli di

Menu